News

Altus Consulting: Amazon potrebbe portare grande disruption nel settore assicurativo

25 Giugno 2018

Secondo Altus Consulting l’ingresso di Amazon nel settore assicurativo potrebbe rappresentare un notevole ostacolo per gli assicuratori e riassicuratori tradizionali.

Nel 2016 Amazon ha lanciato la sua prima copertura assicurativa per la protezione dei prodotti, Amazon Protect e da allora ha iniziato a investire in start-up InsurTech e a collaborare con società come la Berkshire Hathaway di Warren Buffett e JP Morgan sull’assistenza sanitaria dei dipendenti.

Altus ha osservato che Amazon avrebbe già un enorme vantaggio se decidesse di entrare più attivamente nel mercato assicurativo, grazie al riconoscimento del marchio esistente, all’ampia base di clienti e all’abbondanza di capacità, che gli consentirebbero di applicare prezzi molto flessibili.

Ciò consentirebbe inoltre all’azienda di posizionarsi bene per snellire le pratiche, in quanto potrebbe rinunciare a lunghi questionari utilizzando i dati dei clienti che già detiene legittimamente (come età, posizione, cronologia degli acquisti ecc.) e potrebbe riutilizzare il suo attuale processo di pagamento con un clic.

“Amazon sta ai rivenditori, come i siti web di comparazione dei prezzi stanno alle compagnie di assicurazione – sono proprietari dell’acquisizione dei clienti, spiega Altus. Amazon ha una portata molto maggiore di qualsiasi assicuratore e anche clienti molto costanti”.
Gli assicuratori hanno sempre una certa distanza dal cliente perché il prezzo è “il re” (i clienti vogliono confrontare i prezzi e poi cliccare sulla compagnia scelta), mentre il coinvolgimento dei clienti di Amazon è costante. Le compagnie assicurative hanno un rapporto ciclico con i clienti, Amazon ha più punti di contatto e opportunità di cross / upsell con i clienti.

FONTE ASSINEWS