News

Axa e Generali studiano il dossier Filo Diretto

8 Dicembre 2015

Non è la prima volta che Filo Diretto finisce sul mercato. Ma questa volta a dare sprint al probabile riassetto azionario del terzo operatore italiano del travel insurance potrebbero essere le nuove tendenze del mercato assicurativo. Perché, se è vero che la società del gruppo Filo Diretto, presieduto da Gualtiero Ventura, è una compagnia specializzata in un comparto molto specifico, ossia quello dell’assistenza, è altrettanto vero che le imprese assicurative sono sempre più attente ad arricchire i propri prodotti con servizi aggiuntivi da fornire ai clienti.

Così tra le offerte non vincolanti recapitate a Vitale & Associati, advisor dell’operazione, ci sarebbe anche quella di grandi gruppi assicurativi come Axa  eGenerali . La compagnia potrebbe infatti rivelarsi utile per chi punta sull’innovazione, grazie anche allo sviluppo di nuove tecnologie, come ha dichiarato per esempio più volte il group ceo di Generali  Mario Greco. Proprio di recente il gruppo Filo Diretto, attivo dal 1987 nell’offerta di soluzioni assicurative e servizi di assistenza alla persona non solo nel turismo ma anche per auto, casa e salute, ha lanciato per esempio una polizza di assistenza alla persona Med 24. Si tratta di un prodotto studiato ad hoc per offrire servizi di assistenza, come la prenotazione di appuntamenti per visite ed esami diagnostici, un consulto medico telefonico 24 ore su 24 oppure l’invio di un medico in caso di urgenza o la consegna di farmaci a domicilio. Non solo; il nuovo prodotto prevede anche un app per smartphone e tablet che tramite videochiamata consente un consulto in videoconferenza con un medico della centrale operativa di Filo Diretto. Tecnologie e servizi come questi sono sempre più apprezzati dalla compagnie di assicurazione e ciò potrebbe far aumentare l’interesse per Filo Diretto anche da parte dei colossi del settore. Per ora si tratta solo di contatti preliminari, visto che quelle arrivate alla società di consulenza Vitale & Associati sono offerte non impegnative, ma l’interesse non sembra mancare. Il valore stimato per la società sarebbe intorno a 30 milioni di euro.

FONTE MF