News

CINA Ping An riduce la sua rete di agenti assicurativi ma li paga di più

21 Settembre 2020

Nel 2019 gigante dell’assicurazione cinese, Ping An, ha venduto premi vita per $ 91 miliardi utilizzando una rete di ben 1 milione 166 mila agenti (-17% rispetto al 2018). E ieri ha annunciato la sua strategia nei modelli di distribuzione delle polizze, che combina assieme agenti tradizionali e canali innovativi (vendite on line, robot etc).
“Siamo passati – ha detto Lu Min, chief insurance business officer di Ping An– dalla rapida crescita del nostro team di agenti come motore di crescita aziendale chiave, al perseguimento sia della quantità che della qualità degli agenti. Continueremo a enfatizzare il reclutamento, ma amplieremo la nostra forza con agenti di qualità, invece di perseguire i numeri in assoluto”.

Gli agenti saranno raggruppati in tre categorie: nuove reclute, agenti e supervisori, con politiche e pratiche disegnate su misura per ciascuno. Per le nuove reclute, Ping An ha aumentato e prolungato la durata della remunerazione; per gli agenti, Ping An offrirà maggiori incentivi per incoraggiarli a reclutare altri agenti. Per i supervisori, il focus sarà sulla gestione digitale.

In generale Ping An aumenterà gli investimenti a lungo termine nella rete agenziale in termini di benefici, remunerazione e gestione. Nel 2019 la produttività per agente è cresciuta del 13,1 per cento.

Il gruppo assicurativo ha 200 milioni di clienti e 515 milioni di utenti internet.

FONTE INTERMEDIA CHANNEL