News

Fpa, Ania respinge la proposta di Sna

12 Marzo 2015

Il sindacato nazionale agenti, in una nota, fa sapere che l’accordo era vicino, grazie alla mediazione del ministero del Lavoro

 

Ania ha respinto il progetto di salvataggio del Fondo pensione agenti proposto da Sna e che “contemperava le esigenze espresse dalle parti”. Questo è quanto scrive Sna in un comunicato diffuso nella serata di ieri, mercoledì 11 marzo. Le compagnie avrebbero rifiutato di cambiare la loro offerta, formulata nell’ottobre del 2014, che consta di un contributo una tantum di 16 milioni di euro, la trasformazione del fondo da prestazione definita a contribuzione definita e un taglio che, secondo Sna, arriverebbe fino al 70% delle prestazioni pensionistiche attualmente erogate.  “Sono risultati vani – si legge nella nota del sindacato – tutti gli sforzi fatti negli ultimi mesi per il salvataggio del Fondo pensione agenti”.

Lo Sna, contemporaneamente, ha fatto sapere che “dopo oltre un anno di tentativi”, l’accordo era molto vicino, anche grazie al tavolo di mediazione coordinato dal sottosegretario al ministero del Lavoro, il senatore Massimo Cassano. Questo compromesso sarebbe passato attraverso una riduzione delle pensioni e delle promesse pensionistiche, un aumento del contributo una tantum delle imprese e il ricorso a “plusvalenze latenti e ai rendimenti attesi per calmierare tale riduzione a livelli accettabili”, che, secondo Sna, ammonterebbe al massimo al 35%, contro il 70% dell’unico piano attualmente ancora in campo.

FONTE INSURANCE TRADE