News

Italiani, si al welfare integrativo ma con riduzioni fiscali

28 Febbraio 2016

È quanto emerge dal sondaggio on line Sanità e previdenza: più o meno tasse per il futuro, diffuso dall’Unione nazionale consumatori e realizzato all’interno del programma di ricerca, Gli scenari del welfare, promosso dal Forum Ania-Consumatori, per comprendere le speranze e le preoccupazioni degli italiani.

Dall’indagine – che ha raccolto oltre 500 risposte tra ottobre 2015 e gennaio 2016 – emerge che il 61% è molto o abbastanza favorevole a pagare direttamente i servizi di cui ha bisogno se lo Stato riducesse le tasse, così confermando che gli italiani sono tendenzialmente propensi all’introduzione di vantaggi fiscali per alcuni strumenti assicurativi (polizze sanitarie, iscrizioni a mutue sanitarie, polizze long term care, pensioni integrative, ecc) e sulla possibilità di dedurre fiscalmente alcune spese per il welfare (badante, baby sitter, ecc.).

Nonostante questa apertura, il 98% degli intervistati vuole che lo Stato conservi il monopolio dei servizi fondamentali, che esprime l’identità dei popoli europei nel riconoscere il ruolo sociale dello Stato.

FONTE INSURANCE TRADE