GaGi_Giugno2023

giugno 2023 26 sto di regolamento facilita certamente il ruolo del consulente del lavoro, ma deve essere il professionista che decide se la costruzione del regolamento è coerente con l’impianto normativo e con l’organigramma aziendale. Dobbiamo essere molto chiari con l’azienda su questo punto. Fino a pochi anni fa i consulenti del lavoro non avevano grossa confidenza con il tema welfare ma negli ultimi anni le diverse associazioni di categoria, anche a seguito dei ripetuti interventi legislativi, hanno diffuso e approfondito il WA con i propri iscritti migliorando la consapevolezza e l’importanza del tema. La preparazione di un impianto di WA richiede il coinvolgimento di diverse figure aziendali, dal CEO/CFO o dal titolare o socio, dal HR manager o il capo ufficio, dai dipendenti fino ai consulenti esterni (consulente del lavoro per il regolamento ma anche del commercialista per gli impatti sul bilancio e l’evidenza dei vantaggi della fiscalità). È un lavoro che solitamente si finalizza verso fine anno, ma deve essere iniziato con largo anticipo, ed essendo collegiale consente alla nostra figura di diventare un riferimento per tutti i soggetti coinvolti. Anche successivamente, durante la gestione del rapporto assicurativo. Rappresenta un modo molto concreto per valorizzare il nostro ruolo di intermediari ed è portatore di nuove opportunità commerciali. Accade spesso che chi esce dall’azienda, per diversi motivi e principalmente grazie a questo approccio globale, coinvolga l’agenzia nelle nuove aziende che ha fondato o delle quali è divenuto dipendente. Lo sforzo che richiede il costruire una relazione così articolata con il cliente è destinato quindi a produrre frutti nel tempo e, in qualche modo, anche ad autoalimentarsi. Infine, considerate che questo strumento deve essere considerato in modo dinamico. Nel tempo cambiano le strutture aziendali e i riferimenti normativi e perciò è necessaria una continua collaborazione per mantenere l’impianto adeguato alle esigenze del cliente. Nel prossimo appuntamento affronteremo il tema della fiscalità e dei vantaggi per l’azienda che si dota di una struttura aziendale di Welfare. “ Lo sforzo che richiede il costruire una relazione così articolata con il cliente è destinato a produrre frutti nel tempo ”

RkJQdWJsaXNoZXIy OTg5NDE=