News

SI AL DIALOGO TRA AGENTI E ANIA, AL DI LA’ DEI PARERI TECNICI

14 Febbraio 2016
Foto editoriale GAA

Foto editoriale GAA

 

Cari colleghi,

così come riporta l’articolo in primo piano e come molti di voi sapranno già l’associazione Anapa Rete ImpresAgenzia, alla quale il nostro Gaa aderisce, ha ottenuto una risposta positiva dall’attuale presidente di ANIA, Maria Bianca Farina, alla ripresa del tavolo di concertazione per la ripresa del dialogo su ANA.

Come sapete il tavolo si era interrotto bruscamente a causa dell’avvio dell’indagine istruttoria dell’Antitrust promossa da SNA e a causa del Fondo Pensione, dopo che nel 2013, dopo sette anni di silenzio, si era riusciti a riprendere la trattativa grazie al presidente Aldo Minucci.

Oggi ci auguriamo che il fatto che all’interno di ANIA sieda come vice-presidente il nostro a.d. Philippe Donnet, rappresenti un elemento di valore per noi agenti Generali Italia, che siamo sicuri che il suo apporto sarà proficuo.

In particolare ci aspettiamo che il prossimo tavolo possa rivedere con urgenza l’istituto della rivalsa per pensare al futuro della nostra professione e in particolare agevolare i nuovi agenti di Generali Italia, in quanto sul mercato la compagnia si è sempre contraddistinta per essere un vivaio fidelizzato di giovani proveniente dall’organizzazione produttiva. Ci auguriamo inoltre che nonostante le divergenze che potranno esserci sul fronte dei pareri legali, di una delle parti, si lavori tutti assieme per rinnovare l’accordo grazie al dialogo e al confronto.

Al di là dei pareri tecnici, che ancora oggi sembrano rappresentare un freno alla ripresa della trattativa, è bene chiarire fin da subito se ci sia o meno la volontà politica da parte delle imprese e dell’associazione che le rappresenta, in primis, di ricercare un accordo con gli agenti adeguato all’attuale contesto di mercato, che è notevolmente cambiato rispetto al 2003. Il Gruppo Agenti Generali è convinto che sia possibile rivedere gli accordi aziendali all’interno di una perimetro convenzionalmente stabilito tra ANIA e ANAPA/SNA e che individualmente, ogni Gruppo Agenti, possa poi andare a costruire l’interno di questo perimetro con delle variabili proprie. Nella mia doppia veste di presidente di ANAPA – Rete ImpresAgenzie e del Gaa Generali, farò tutto quanto mi sarà possibile per portare avanti questa soluzione, che rappresenta un’evoluzione sia per la rappresentanza degli agenti ma anche per gli stessi professionisti. Ci auguriamo che la modernità con la quale vogliamo garantire un futuro agli agenti e alle stesse imprese non spaventi invece quest’ultime e i loro rappresentanti.

Buona lettura!

Il presidente

Vincenzo Cirasola